Caso Fortezza

Con la decisione della Corte di Cassazione di respingere il ricorso del Pubblico Ministero, il caso dei Padiglioni della Fortezza da Basso è definitivamente chiuso.
Definitivo è il riconoscimento della legittimità e della correttezza degli atti amministrativi della Giunta da me presieduta.
Definitiva è la chiusura di un lungo iter giudiziario che, nel momento della sua conclusione, pone in evidenza l’inconsistente fondamento delle accuse mosse dal PM, che del resto era già emerso in altre sedi.
Penso che se gli organi di autogoverno della magistratura funzionassero efficacemente, dovrebbero considerare con la dovuta attenzione un tipo di condotta come quella tenuta dal PM sul “caso Fortezza” e valutare con accuratezza critica il modo in cui l’inchiesta è nata ed è stata portata avanti.
Una riflessione particolare meriterebbe l’uso delle consulenze tecniche. Il rendere conto del proprio modo di operare è una componente essenziale del buon funzionamento di un sistema democratico, soprattutto se si ricoprono incarichi pubblici.
Nessuno può esserne escluso.